Winter trail courmayeur by night

QMARMAGNAuesta gara mi ha insegnato tante cose.la montagna è la montagna…quando è Clemente siamo superuomini noi sky al cospetto delle persone normali…quando è incazzata siamo degli eroi quando facciamo un impresa ma capiamo e siamo coscienti dei terribili rischi che corriamo.la corsa di ieri è stata per l 80%nella tormenta…abbigliamento da corsa più giacca antivento…nella camelbag coperta termica pila frontale di ricambio…mezzo litro di acqua e barrette energetiche.partenza con l entusiasmo della gente…primi 3 km terribili tutti su piste nere con pendenza oltre il 50 %corsetta intervallata da camminata….poi dopo un piano di 1 km…due rampe a quasi 2600 metri…pendenza 50 %…per intenderci si saliva con i piedi di lato,a scaletta, come per gli ultimi metri del monte bianco…li il freddo complice i meno 10 gradi mi ha avvolto lo stomaco…ancora 400 metri di dislivello…temevo di stare male…vicino a me quasi nessuno. ..
Qualche lampada frontale sotto e qualche sopra…è stato forte il desiderio di togliere dalla tasca la coperta termica…ma ho pensato che sono forte e che ho visto nella vita situazioni peggiori!!ho intavisto la vetta e mi sono coperto lo stomaco con le mani mentre la tormenta mi avvolgeva…intanto 2 dita del piede destro non le sentivo più…arrivo al ristoro a 3000 metri…entro… the..albicocche liofilizzate e chiedo…quanta salita ancora?tutta discesa fino a courmayeur…mi parte un sorriso…c’è lo fatta anche stavolta….scendo come un camoscio in fuga ne passo ben 16 e arrivo a valle dai miei bambini e da mia moglie con un ritardo dai campioni di 35 minuti….invidiabile per un atleta 43enne…ennesima grande esperienza di sofferenza e sopravvivenza….ma sopratutto esperienza di vita

Corsa in montagna del Cuore

io e zincaDomenica 13 prima edizione della Corsa in Montagna del Cuore.Gara breve ma molto intensa e i 14 km con 1100 metri di dislivello la dicono lunga davvero.Giornata da lupi con pioggia copiosa per tutta la gara.La mia gara pochi km buon dislivello e mega discesa finale.Primo tratto molto impegnativo che porta ad un dislivello di 700 metri gia nei primi 8 km poi falsopiano per circa 2 e in fine grande discesa a bomba verso Vergobbio. Parto col freno tirato anche perche’ dopo i primi 100 metri affrontiamo subito un dislivello del 35%, fatico fino alla fine della salita ma non appena vedo il fiato riprendersi parto in coppia con Fernando Casu sul falsopiano, sistemo il cuore a puntino e da 16esimo inizia la rimonta in discesa. Ne riprendo 7 e nell’ultimo tratto nel viscido piu’ assoluto rinuncio all’ottavo posto lasciando passare un concorrente dell atletica 3 v che aveva, negli ultimi 100 metri sbagliato strada.Molta felicità sotto una pioggia incessante.Adesso record sul Generoso e poi Limone Extreme

Engadinersommerlauf

IMG-20150823-WA0013Giornata ottima per correre…10 gradi e quasi 2000 metri di altitudine di base.la corsa di sankt Moritz è ormai una classica dove gli stradisti la fanno da padrone…due etiopi hanno sbancato al maschile e al femminile…la mia corsa per quanto sacrificata e senza la montagna vera è stata cmqe molto allenante…su i 1500 partenti sono arrivato 232esimo e 88esimo di categoria…organizzazione molto buona della mia azienda (Coop)per la quale lavoro, che mi ha anche omaggiato l iscrizione sia per me che per mio figlio Gabriele…anche Gabri ha fatto una bella gara aspettando di crescere per iniziare a correre nelle gare 20150823_144127di montagna anche a lui piu congeniali…

Salita sull’Adula

20150730_110236Bellissima la giornata…il fresco passa attraverso la valle di Blenio e mentre sali verso Olivone si cominciano a vedere delle opere splendide dell ingenieria Svizzera…maestosa la diga e poi la galleria scavata nella roccia ad una sola corsia…cosa d altri tempi davvero.inizia la valle che dopo alcuni km mi porta verso il primo rifugio Adula…ora si comincia a salire e dopo 20 minuti di corsa arrivo al secondo rifugio a 2450 metri di altitudine…comincio a salire e al bivio decido di non fare il ghiacciaio ma di fare le rocce…passo il laghetto e li sono gia a 2800 salgo ancora fino a 3100 poi dopo aver visto l Aquila decido di tornare vedendo che senza picozza il tutto si faceva veramente pericoloso…un caro ricordo all alpinista varesino che alla fine di agosto ha lasciato la sua vita proprio in questo posto stupendo….

Trail del fojonco

20150702_173037nel cospetto dell appennino reggiano su è svolta la classica del Fojonco….il sabato 8 agosto…si è svolto il vertical…dove Giuliano Gherardi si è imposto senza difficoltà…l indomani il mini trail da 12 km e il trail da 35.Io mi sono cimentato nella corta non avendo nelle gambe 35 km e un quindicesimo posto mi accontenta molto considerata la giornata caldissima . Bello il percorso che si è disteso prima nei boschi sopra PRATIZZANO poi passato il lago del Ventasso si è inerpicato fino alla croce dell omonimo monte…poi discesa a palla fino a PRATIZZANO verso il traguardo…degna di nota l impresa di Pigoni nella lunga che sbagliando il percorso ha perso almeno 15 minuti ed è riuscito a finire secondo la gara….

Raid del Marmagna

1^maschileGrande prova dopo i problemi dell’ inverno…correre in casa è sicuramente un vantaggio ma battere per la prima volta due mostri sacri come Gianluca Cola e Lara Mustat non succede tutti i giorni.Io e il mio compagno di merende Marco Campus abbiamo fatto la gara perfetta.Marco un grande in salita e io come al solito in discesa….pochi i partecipanti ma subito dopo il via…Marco prende la testa e noi dietro a cercare di tenere il suo ritmo elevato…al lago santo il gruppetto si sgrana e restiamo noi 4 a tirare…sotto il Marmagna prendo un paio di minuti da loro 3 ma in discesa recupero prima Cola e Mustat e poi il mio compagno…arriviamo a lagdei in completa solitudine in un tempo di 55 minuti e 33 secondi….Lago santo in 13 minuti e Marmagna in 33′ e 30”…grandi tempi… duri da superare per chiunque!!!20150621_123654

schiena a pezzi

Dopo le prime influenze dell’anno, che quest’anno ho preso tutte, il mal di schiena mi ha tenuto lontano dagli allenamenti per 2 mesi; adesso va meglio e le prime uscite sul monte generoso hanno dato dei buoni risultati e finalmente la schiena è tornata ai suoi antichi albori.
Adesso sotto con le uscite, un occhio al cardiofrequenzimetro, uno alla fatica e un altro sui panorami che mi aspettano.
Prima del Cervino tre gare dove misurare la mia forma….Prima tra tutte il Vibram Trincea Trail…20150406_094941[1]
20150406_102352[1]

Pico Trail 2014

salita pico trail

Domenica 23 novembre 2014. 245 concorrenti si sono dati appuntamento a Strozza per la terza edizione del Pico Trail organizzato da Valetudo Skyrunning Italia e Gs Strozza, prova finale del circuito Lombardia Skyrunning. Trionfano Ionut Zinca e Debora Cardone. I campioni di Lombardia sono Daniel Antonioli, Ester Scotti e Filippo Bontempi.

Bergamo, 23 novembre 2014 – Il gran lavoro della Valetudo Skyrunning Italia e del Gs Strozza alla regia della terza edizione del Pico Trail è stato ripagato dal numero record di partecipanti, 245, dal bel tempo che li ha accompagnati nei 16 km e 2700 m di dislivello complessivo con gpm sul Monte Ubione e, infine, dallo spessore internazionale dei pretendenti al podio.

La gara maschile
In campo maschile netto il successo di Ionut Alin Zinca, stella della Valetudo Skyrunning Italia, che si è avvantaggiato nelle battute iniziali e ha sempre mantenuto il comando. Al suo inseguimento si è lanciato l’azzurro di winter triathlon Daniel Antonioli, in forza all’Esercito. Più indietro l’aquila Valetudo Luca Carrara. Queste posizioni non sono mai mutate. Ionut Zinca, uomo solo al comando, è giunto al traguardo, posto presso il centro sportivo di Strozza, sorridente e a braccia alzate. Ha chiuso con l’ennesimo sigillo una stagione lunghissima, costruita su 68 gare, e conclusa in Valle Imagna onorando i colori della Valetudo Skyrunning Italia, alla presenza del presidente Giorgio Pesenti e del titolare di Valetudo srl, il dottor Vittorio Bortolin. Seconda e terza posizione, rispettivamente, per Daniel Antonioli e Luca Carrara. Completano la top ten Franco Bani (FreeZone), Clemente Belingheri (Valetudo Skyrunning Italia), Paolo Gotti (Altitude Race), Luca Miori (Valetudo Skyrunning Italia), Thomas Gianoli (Atletica Alta Valtellina), Cristian Corti (Osa Valmadrera) e Mauro Toniolo (Valetudo Skyrunning Italia).

La gara femminile
Sul fronte femminile la gara è stata maggiormente combattuta. Le posizioni si sono delineate lungo la salita verso il Monte Ubione, quando Denisa Dragomir, campionessa rumena di corsa in montagna, che difende i colori della Valetudo Skyrunning Italia, è stata superata da Debora Cardone, sua compagna di squadra. La Cardone, balzando in testa, ha cambiato marcia piombando per prima sotto lo striscione d’arrivo, bissando così la vittoria dello scorso anno. Completano il podio Denisa Dragomir e Cinzia Bertasa (Iz Skyracing Tecnica), solitamente impegnata nelle distanze più lunghe. Tra le prime dieci classificate anche Barbara Bani (FreeZone), Ester Scotti (Valetudo Skyrunning Rosa), Daniela Gilardi (Sev Valmadrera), Giovanna Cavalli (Runners Bergamo), Silvia Serafini (team Salomon), Maria Eugenia Rossi (Iz Skyracing) e Monia Acerbis (Valetudo Skyrunning Rosa).

Circuito Lombardia Skyrunning by Valetudo
Il Pico Trail è inserito nel circuito Lombardia Skyrunning by Valetudo. A Strozza si è disputata la quarta tappa, valida come finale, preceduta da Gir de le Malghe (Caregno, Brescia), Rosetta International Skyrace (Rasura, Sondrio) e ZacUp (Pasturo, Lecco). Nella classifica assoluta maschile del circuito, si è imposto Daniel Antonioli su Paolo Gotti e Stefano Radaelli. Nella classifica assoluta femminile, ha primeggiato Wiktoria Piejak su Ester Scotti e Martina Brambilla. Per quanto riguarda la graduatoria degli over 50 maschili, il migliore dopo quattro prove è risultato Filippo Bontempi, seguito da Roberto Masciadri, Giacomo Caluffetti, Diego Zugnoni e Antonio Baroni.

Campioni di Lombardia 2014
Tra i classificati del circuito Lombardia Skyrunning by Valetudo, sono stati selezionati i tre campioni di Lombardia. Il titolo regionale è stato assegnato a Daniel Antonioli, Ester Scotti e Filippo Bontempi.

La festa dei 10 anni della Valetudo Skyrunning Italia
In occasione del Pico Trail, il team Valetudo Skyrunning Italia e Rosa, di patron Giorgio Pesenti, ha festeggiato il decimo compleanno. Ciascun tesserato, al termine della manifestazione, ha ricevuto in dono una speciale t-shirt Valetudo.L’ Aquila Massimo Fontana come accade sempre a fine stagione ha fatto gara anonima arrivando nonostante il mal di testa alla fine con un 2 e 23 non da buttare via anche se lontano dal 2 e 13 del 2012. Bisogna menzionare la gara contro il mal di stomaco del grande Baroni Antonio che nonostante le due soste forzate, ha concluso la sua gara in 2 ore e 33 prendendo i 100 punti che gli permettevano di raggiungere il 5to posto nella over 50.
Ora l’inverno e la meritata sosta e settimana prossima all’ISOKINETICS per il test di soglia!
Ciao a tutti e buone feste.
io e zinca

Claro Pizzo 2014

Sono l’italiano Nicola Golinelli (Ger Rancio) e l’elvetica Viktoria Kreuzer i vincitori della prima edizione della Claro – Pizzo 2500+, la gara di corsa in montagna di sola salita svoltasi ieri nel Canton Ticino. Da affrontare, i 9,2 Km dall’abitato di Claro posto a 258mt , fino al Pizzo Claro, ben 2500mt più in alto.Grande lavoro da parte dell’organizzazione e delle squadre di volontari che hanno saputo gestire in modo ottimo la sicurezza dei circa 200 concorrenti di questa prima edizione, anche con condizioni meteo non esattamente ideali.lago di canee
Tra gli uomini, come anticipato, grande prestazione del lecchese Nicola Golinelli, che ha fatto sua la vittoria con un tempo di 1h39’00″. Nicola, reduce da una stagione estiva ai box per infortunio, in questo primo scorcio di autunno sta dimostrando di vivere un periodo esaltante di forma. Dopo il secondo posto alla Dreizinnen, il terzo posto alla Ivrea – Mombarone di due settimane fa, la vittoria con il suo best time al Km Verticale Chiavenna – Lagunch, Nicola ha posto il suggello anche in questa impegnativa gara ticinese, che promette di diventare un appuntamento molto importante per gli anni a venire.
Dietro di lui si inseriva il forte scialpinista di Zermatt (Sui) che difende i colori della Salomon, Martin Anthamatten. Per lui un ritardo da Golinelli di 3’47″. Un altro svizzero, questa volta ticinese, saliva sul terzo gradino del podio. A 9’23″ ecco Gion Andrea Bundi, già sul podio alla Ultraks 46K di quest’anno. Quarto è Patrik Feuz a 10’34″, mentre quinto si piazzava Franco Sancassani (ASD NSC BELLAGIO SKY TEAM – PATAGONIA) a 11’37″.

Viktoria Kreuzer (Sui, Team Salomon), tagliava il traguardo in tredicesima posizione assoluta dopo 2’03’08″. Per lei un’altra bella vittoria dopo la Dreizinnen di un mese fa. Le connazionali Denise Zinnermann e Manuela Falconi le facevano compagnia sul podio, anche se staccate rispettivamente di 14’35″ e di 15’11″.Per me è stata forse la gara più terribile in assoluto, buon piazzamento e……se ci fosse stata la discesa………

Classifica Claro – Pizzo 9,2 Km 2500+

UOMINI

1 GOLINELLI NICOLA GER RANCIO 01:39:00,0
2 ANTHAMATTEN MARTIN 01:42:47,0 à 3:47
3 BUNDI GION-ANDREA 01:48:23,0 à 9:23
4 FEUZ Patrick 01:49:39,0 à 10:39
5 SANCASSANI FRANCO ASD NSC BELLAGIO SKY TEAM – PATAGONIA 01:50:37,0 à 11:37
6 DELORENZI ROBERTO TEAM SALOMON SARCI SPORT E USC 01:51:08,0 à 12:08
7 CAIROLI ANDREA TEAM LOLA SKYRACE 01:54:22,0 à 15:22
8 LAZZARO ARON GRUPPO TONIC RUNNER SKY EXPLORER 01:56:07,0 à 17:07
9 GAZZOLA MARCO TEAM SALOMON SUUNTO 01:56:32,0 à 17:32
10 ARNOLD IWAN 01:56:51,0 à 17:51
77 Massimo Fontana 2:37:19pizzo di claro 2014

DONNE

1 KREUZER VICTORIA SALOMON SCHWEIZ 02:03:08,0 02h03’08,
2 ZIMMERMANN DENISE TEAM SALOMON SUUNTO 02:17:43,0 à 14:35
3 FALCONI MANUELA SFG BIASCA 02:18:19,0 à 15:11
4 CAVALLI GIOVANNA RUNNERS BERGAMO 02:21:21,0 à 18:13
5 GENNARI MARIA RUNNERS CLUB BELLILNZONA 02:23:12,0 à 20:04

Stralugano 2014

Nona StraLugano senza sole, ma con il clima ideale per i partecipanti e all’insegna del record di presenze e delle grandi prestazioni tecniche quella ammirata il 27/28 settembre.

Sono stati infatti più di 4000 gli iscritti, principalmente distribuiti tra le due gare regine della manifestazione, la10 e la 30 km, e la 3x10km, la KidsRun, la Handbike e la FluoRun.

I primi ad arrivare al traguardo sono stati gli atleti della 10km “City”, alla cui vigilia era stata annunciata una sfida a due tra Abraham Eshak e Alessandro Turroni, e così è stato. Dopo nove chilometri e mezzo in cui i due se la sono giocata, negli ultimi 700 metri Eshak ha dato lo strappo decisivo per la vittoria, giunta in 30.29,0, con Turroni giunto al traguardo 11 secondi dopo.

Grande tempo nella 10 km femminile nella quale Emily Collinge ha fatto registrare di gran lunga la miglior prestazione tecnica della giornata. L’atleta classe 1998 ha sbaragliato la concorrenza con un eccezionale 31.32,5 e rifilando quasi un minuto e mezzo alla seconda classificata Patricia Morceli, la quale ha fatto segnare un comunque probante 32.58,5 che le ha regalato la vittoria nella categoria W40.

Annunci Premium Publisher Network

Nella 30km “Panoramic” si è assistito ad una gara di buon livello con 5 atleti sotto 1:36. La gara è stata emozionante fino all’ultimo metro, con il kenyano Kipkorir Edwin (1:35.08,7) che ha preceduto Keneni Baldadi un solo secondo. Decimo e primo degli Italiani il sempreverde Dario Rognoni (1:40.38,2), capace di migliorarsi di un minuto e mezzo rispetto al tempo della scorsa edizione.

Ottimo livello nella 30km femminile, con ben tre atlete sotto l’ora e cinquanta. La vittoria è andata per il terzo anno consecutivo a Chelangat Sang con 1:48.17,3, tempo molto vicino al record della tracciato, precedendo Alice Kimbor (1:48.40,4). Prima italiana è stata Claudia Gelsomino in 1:56.18,6.

Ma il vero spettacolo della straLugano si è assistito prima, durante e dopo la gara grazie agli oltre 4000 partecipanti che hanno affollato Lugano e contagiato la città con il loro entusiasmo e voglia di correre, spinti da una grande passione per lo sport piuttosto che dall’ambizione per il tempone ed il podio.I 38 minuti anche il sottoscritto li ha raggiunti con una prestazione superba!giungendo 28esimo di categoria e 108avo nella generale.
A presto!macy stralugano